La scuola materna Luigi Coccapani

L’ente “Asilo infantile” con sede in Fiorano Modenese, eretto in Ente Morale con R.D. 12 Ottobre 1924, sorse nel 1913 per iniziativa della N.D. Contessa Maria Margherita Anguissola ved. Coccapani (poi formalizzata con atto del Notaio Dr. Luigi Spinelli in data 25 Novembre 1922 rep. n. 6805 6806), iniziativa alla cui realizzazione concorse anche il comune di Fiorano Modenese.

Successivamente viene costituita la "Fondazione Coccapani" che comprende la Scuola dell'Infanzia e la Casa Residenza e Centro Diurno per anziani.

La scuola segue un progetto educativo d’ispirazione cristiana. In aderenza alla sua identità cattolica intende promuovere lo sviluppo del bambino attraverso la cura attenta di tutte le esigenze materiali, psicologiche nonché spirituali nella convinzione che un’educazione all’apertura al Trascendente, darà un contributo essenziale all’educazione integrale del bambino.

Facendo parte integrante del sistema pubblico d’istruzione, la scuola ne rispetta e ne condivide le direttive Ministeriali in ordine: 
•    all’accoglienza di tutti i bambini del territorio, le cui famiglie sottoscrivano il nostro Progetto Educativo, senza distinzione di sesso, etnia e religione;
•    all’attuazione delle indicazioni relative ai traguardi di sviluppo dei bambini;
•    al rispetto delle leggi e normative vigenti.

La scuola è organizzata in quattro sezioni miste per età. 

Le linee educative che ci caratterizzano sono:
•    La scelta di utilizzare un tema comune a tutte le sezioni per progettare le attività dell’anno che comprendono tra l’altro iniziative particolari come: uscite guidate sul territorio, laboratori, percorsi con esperti……
•    La condivisione dei momenti di routines quali: accoglienza, pasto, riposo pomeridiano, merenda ed uscita.
•    La cura della documentazione dei percorsi d’apprendimento dei bambini, importante strumento di coinvolgimento delle famiglie.
•    La strutturazione di spazi comuni, interni ed esterni, vissuti dai bambini suddivisi per centri d’interesse e di spazi specifici legati all’età (sezione dei tre anni,…..)
•    La partecipazione attiva alle azioni di continuità verticale ed orizzontale.
•    Un aggiornamento costante e continuo del personale educativo.
•    L’organizzazione di momenti dedicati alle famiglie (serate di lavoro, incontri formativi, feste…..)

 
 

Foto